Cect T400 Dualsim DVB-T – Recensione completa

La prova completa del telefono cellulare cinese Cect T400 con ricevitore per la TV digitale terrestre (DVBT). Recensione dettagliata delle singole funzionalità. Impressioni d’uso. Giudizio generale. Prezzo.

Altro telefono made in china sotto il mio giudizio. Su questo stesso blog potete trovare le recensioni di altri due modelli Cect: il GT450 con schermo full touchscreen ed il GT600 con tastiera qwerty. Il vero punto di forza del T400 è il ricevitore DVB-T con cui guardare liberamente e gratuitamente tutti i canali in chiaro trasmessi secondo lo standard Digitale Terrestre. Tutti questi modelli sono ovviamente dual sim.

Confezione – Design

All’interno della confezione cartonata di colore nero trovano posto lo stesso telefono ed una serie di accessori: 2 batterie 3.7V 1000 mAh (decisamente utile avere una seconda batteria a disposizione), un adattatore da rete (caricabatteria) compatibile con il sistema elettrico italiano, cavo USB per collegamento al PC e ricarica, pennino stylus con custodia e laccetto per agganciarlo al telefono, cuffie auricolari (con microfono) con attacco miniUSB, manuale utente in Inglese con le norme d’uso generali e spiegazioni delle singole funzioni del menu.

Il design è particolarmente elegante e gradevole grazie alle linee morbide e le finiture grigie lungo i bordi. Elemento di spicco il grande Display LCD full touchscreen a montaggio superficiale, piatto, non incassato nel corpo del telefono. Sotto di esso trovano posto tre pulsanti per le funzioni principali.

Hardware – Prestazioni

Connettività GSM Tri-Band (900, 1800 e 1900 MHz). Il T400 risulta quindi pienamente utilizzabile in Italia su normali reti GSM.
Dualsim Dualstandby, ovvero due slot per ospitare altrettante schede SIM, anche di diversi operatori. Questa funzionalità è particolarmente diffusa tra gli apparati di provenienza cinese e rappresenta un grande vantaggio per tutti quegli utenti che dispongono di più schede. In pratica è come avere due telefoni in uno, due numeri sempre attivi in ricezione e la possibilità di instradare facilmente ogni chiamata verso la SIM che si desidera usare. Si può scegliere ovviamente di abilitare solo uno dei due slot, entrambi o nessuno. Quest’ultima modalità viene chiamata Flight Mode e serve appunto per utilizzare il telefono anche sugli aerei.

L’interfaccia Bluetooth può essere impiegate per l’uso di auricolari wireless o per scambio dati con periferiche compatibili con questo standard trasmissivo (es. altri telefonini, stampanti, computer portatili).

Il principale mezzo di interazione è il grande Display LCD Touchscreen con diagonale di 3 pollici e risoluzione 320×240. Buono l’angolo di visione orizzontale, un po’ ristretto invece quello verticale.
Gli altoparlanti stereo integrati sono utilizzati per le funzioni telefoniche (anche vivavoce) e ovviamente per il player audio e video.
Fotocamera con sensore VGA (fino a 1.3 Megapixel mediante interpolazione software) per foto e video.
Nel corpo del telefono è integrata anche una antenna estraibile (tipo “stilo”) da utilizzare esclusivamente per la TV.
Sul lato superiore il pulsante per accensione e spegnimento, su quello inferiore la porta miniUSB per la ricarica ed il collegamento con un computer.

La qualità audio nelle conversazioni telefoniche è di buona qualità, con assenza di particolari disturbi o fruscii. Buona anche la qualità di ricezione, allineata a molti altri apparati, anche di fascia di prezzo superiore.
L’audio proveniente dalle casse integrate risulta generalmente chiaro, con flessioni (naturalmente) nelle frequenze più basse ma particolarmente cristallino nella resa dei toni medi e alti.
L’autonomia è fortemente dipendente dall’uso che si fa del telefono: alcune ore con la TV accesa fino a 5-6 giorni in standby. Decisamente buona, soprattutto considerando che si tratta di un apparato dualsim.

Interfaccia – Software

La schermata iniziale contiene diverse informazioni sullo stato del telefono: campo delle due SIM, orologio, data, stato batteria e alcune icone che funzionano come scorciatoie per l’attivazione rapida delle funzioni più importanti.

Dal menu principale si accede a tutte le funzioni del telefono, suddivise in un albero di menu e sottomenu. Dopo un breve periodo di training si riesce a raggiungere velocemente la voce che ci interessa, anche grazie all’uso di icone esplicative (o comunque facilmente memorizzabili).
L’interazione avviene quasi esclusivamente mediante lo schermo touchscreen. In generale è possibile utilizzare le dita ma, per selezionare gli elementi più piccoli, si rende necessario il ricorso al pennino in dotazione.

Il software interno è impostabile in diverse lingue. L’Italiano appare leggermente impreciso ma comunque molto comprensibile. Perfetta la traduzione in Inglese. Messaggi SMS e MMS possono essere digitati agevolmente con la tastiera qwerty virtuale (usando il pennino). In alternativa si può sfruttare un sistema di riconoscimento dei caratteri che prevede l’immissione di singole lettere semplicemente “disegnandole” sullo schermo.

La rubrica è la risultante della somma delle rubriche delle due SIM ed i numeri memorizzati nel telefono, fino a 1300 contatti complessivi in un unico apparecchio, praticamente l’elenco telefonico di una piccola cittadina.

Altre funzioni in ordine sparso: compositore di melodie con suoni di diversi strumenti musicali, registratore vocale (ottimo ad esempio per prendere appunti “a voce”), editing basilare per le immagini (ritaglio, collage), slideshow, file manager per una completa gestione di files e cartelle (copia, sposta, rinomina, cancella etc), sveglie personalizzabili (tutti i giorni, solo alcuni giorni, scelta della suoneria o radio FM – funzionante anche a telefono spento), quattro giochi preinstallati, facile gestione di suonerie vibrazione ed altri toni del telefono mediante profili utente personalizzabili, blocco tasti automatico con meccanismo di sblocco slide (tipo iPhone), calendario, gestione appuntamenti, orologio mondiale, connettività dati GPRS e browser WAP, calcolatrice, convertitore di valuta, cronometro, Ebook reader per files di testo in formato TXT.

Multimedia

Televisione Digitale – Probabilmente questa è la funzionalità a cui saranno maggiormente interessati gli acquirenti di questo modello. Il Cect T400 dispone infatti dell’hardware necessario alla ricezione dei canali trasmessi secondo lo standard DVB-T di vari paesi del mondo, tra cui ovviamente l’Italia. Dal menu Multimedia si clicca sulla voce DVB per “accendere” il televisore. A quel punto è necessario estrarre l’antenna stilo dal suo alloggiamento per visualizzare i canali. Per una corretta visione l’apparato va ruotato in orizzontale.

La qualità video è generalmente buona. Il frame rate è leggermente inferiore al normale ma le immagini risultano comunque abbastanza fluide e con un buon livello di dettaglio. I canali con bitrate più elevato (Mediaset e Rai) sono pressoché perfetti mentre alcuni canali locali possono mostrare leggeri artefatti, questo comunque non è un problema del telefono ma una naturale conseguenza della bassa qualità trasmissiva di alcune emittenti.
Il generoso display da 3″ offre una buona esperienza generale di visione e permette di seguire senza problemi interi film, partite di calcio o qualunque altra trasmissione TV in mobilità.

La qualità di ricezione è dipendente da molti fattori, tra i quali l’elevazione e la presenza di ostacoli per il segnale TV. In un terrazzo al terzo piano (la zona in cui ho effettuato la prova è tra le più alte della città) il telefono è stato in grado di trovare ben 283 canali (compresi quelli a pagamento). Tutti quelli in chiaro venivano visualizzati senza problemi orientando correttamente l’antenna.
In interni la situazione cambia e, in alcuni casi, per una buona visione è necessario avvicinarsi ad una finestra. Ovviamente tutto dipende dalla potenza del segnale della singola emittente, nel mio caso non ho mai avuto problemi con Rai1, Rai2 e Rai3 mentre con altri canali ero costretto a “cercare” la giusta posizione e/o orientamento dell’antenna.
Nel complesso la ricezione si può definire soddisfacente, soprattutto considerando la piccola antenna in dotazione. Per una visione continua e priva di disturbi bisogna rimanere fermi, non pensate minimamente di poter guardare la TV mentre camminate o se siete in una macchina in movimento.

La Radio FM può essere utilizzata unicamente con le cuffie auricolari in dotazione collegate al telefono. Buona la qualità di ricezione. Decisamente interessante la possibilità di registrare (files Wav, Awb o Amr) la stazione radio durante l’ascolto oppure di programmare la registrazione nei tempi scelti dall’utente.

Il Player Audio è in grado di mandare in play files in formato MP3, MIDI, Amr e Wav. Molto buona la resa sonora, sia con l’ascolto in cuffia che mediante gli altoparlanti stereo integrati. Riproduzione eccellente con tutti i files MP3 utilizzati per la prova (alcune decine), sia con codifica CBR che VBR. Grazie alla capiente scheda in dotazione (2 Gb) il telefono può essere utilizzato come un validissimo player MP3 in cui memorizzare diverse centinaia di brani.
Il Player Video può leggere files 3GP (risoluzione 176×144), MP4 (video standard MP4, audio AAC) e Avi (codifica Mjpeg). Purtroppo sembra non gradire files Divx o Xvid e quelli con elevata risoluzione e bitrate. In caso abbiate diversi files di questo tipo potrete comunque effettuare una conversione (con un qualunque convertitore video) al fine di renderli compatibili con l’apparato.

Capacità fotografiche standard per il panorama dei telefoni cinesi. Sensore 640×480 pixel in grado di produrre foto con risoluzione di 1.3 Mpixel mediante interpolazione software. Lo stesso può essere usato per riprendere filmati (con audio) in formato Avi Mjpeg (176×144 10 fps). Diverse opzioni disponibili: correzione luminosità (da -4 a +4 EV), banding (50/60 Hz), scatto ritardato, scatto continuo, bilanciamento del bianco (automatico o vari preset), modalità notturna, effetti colore.

Video prova

Nel seguente filmato vengono mostrate alcune funzionalità del telefono

Conclusioni – Prezzo

Un telefono dualsim che farà la gioia di quanti utilizzano abitualmente più di una scheda SIM. Dite pure addio alle operazioni di apertura dello sportello posteriore, rimozione della batteria e sostituzione SIM. Con un cellulare Dualsim le schede sono contemporaneamente attive, due numeri telefonici su cui ricevere o da cui effettuare chiamate.

L’impiego non si esaurisce però alle sole funzioni telefoniche. Potrà infatti essere utilizzato con soddisfazione anche come player MP3, tanta musica sempre con noi da ascoltare con le cuffie o gli altoparlanti integrati. In alternativa si può ovviamente ricorrere alla radio FM.
Infine l’elemento più interessante ed esclusivo: il ricevitore DVB-T. Un vero e proprio televisore portatile con cui guardate tutti i canali trasmessi in chiaro nel nostro paese. Per non perdere mai più un film interessante, una partita di calcio o l’ultima puntata della nostra serie TV preferita.
Il CECT T400 DVBT può essere acquistato per 165 euro da Electrevolution, il prezzo è comprensivo delle spese di spedizione. In definitiva si tratta di un oggetto molto interessante, un concentrato di funzionalità spesso assenti in apparati anche di marche più blasonate.

Ti piace questo articolo? Consiglialo ad altri utenti:

6 Responses to “Cect T400 Dualsim DVB-T – Recensione completa”


  • Dove trovo il manuale in italiano del cect T400?

  • Purtroppo non credo ci sia un manuale in Italiano di questo modello. Comunque i vari menu sono abbastanza intuitivi e, personalmente, non ho trovato difficoltà per la configurazione dei parametri che mi interessavano.

  • Nella recensione è scritto che il menù non è in italiano perfetto! Cosa gli manca per essere perfetto? Puoi fare un esempio degli errori presenti? Inoltre volevo sapere se il telefono rispetta le normative CE per l’emissione di onde elettromagnetiche! Si parla tanto di questo soprattutto per quanto riguarda questi modelli cinesi! Tu che ne pensi a riguardo? Ciao e grazie

  • Con Italiano non corretto si intende un menu tradotto solitamente mediante sistemi automatici. Così ad esempio l’inglese “schedule power on/off” viene tradotto con “pianifica corrente accesa/spenta” invece che in un più corretto “pianifica accensione/spegnimento”.
    Un altro esempio può essere “tappezzeria” invece di “immagine di sfondo” (la voce in inglese è wallpaper).
    Altre voci come “input method choose” sono magari lasciate invariate, non tradotte.
    Intendiamoci, questi errori interessano solo una parte delle voci dei menu, gli altri sono tradotti correttamente in Italiano.

    Questo ed altri modelli di cui ho fatto la recensione hanno la certificazione CE e rispettano la normativa ROHS. Quindi puoi andare sul sicuro.
    Ovviamente questo non è vero per tutti gli apparati cinesi reperibili sul nostro mercato.

Leave a Reply