Komu K5 Turbo recensione completa

La recensione con opinioni personali dello smartphone Android dualsim Komu K5 Turbo. Specifiche e caratteristiche tecniche, funzionalità, accesso al Google Play, fotocamera e ripresa video, benchmark per velocità e prestazioni, opinioni personali e confronto con altri modelli. Prezzo.

Un mio amico ha acquistato da pochi giorni il Komu K5 Turbo black, lo scopo era quello di entrare in possesso di un valido apparato dualsim con sistema operativo Android che non avesse nulla da invidiare, dal punto di vista tecnico, ad altri smartphones di marchi noti ma con funzionamento single sim. Me lo ha prestato per alcuni giorni, anche allo scopo di permettermi di controllarne a fondo le funzionalità, nel seguito trovate la recensione con le immancabili impressioni personali.

Il K5 Turbo è un apparato di punta di casa Komu. Per chi ancora non la conoscesse, Komu è una realtà italiana specializzata nella progettazione, distribuzione e vendita di smartphones con sistema operativo Android. In questo stesso blog ho già avuto modo di descrivere alcuni modelli di tale marchio.
In generale la sua produzione si caratterizza per l’ottimo rapporto tra dotazione e prezzo. Un buon modo per portarsi a casa un pezzo di alta tecnologia con tutto il supporto e le garanzie del caso, ma ad un costo paragonabile a quello di un telefono cellulare cinese generico.

La confezione cartonata bianca con logo Komu contiene lo stesso K5, 2 batterie da 2000 mAh, un cavo USB-microUSB utile per la ricarica ed il collegamento al PC, garanzia e manuale utente in italiano.
Pregevole la presenza di una seconda batteria, non ci obbliga a cercarne una compatibile qualora nel tempo quella utilizzata dovesse diminuire eccessivamente in prestazioni.

Elemento di spicco il display LCD capacitivo multitouch con diagonale di 5 pollici e risoluzione FullHD (1920×1080 pixel), la definizione è di 480 DPI (dato verificato con l’app Android System Info). Ottima la luminosità, tanto da risultare leggibile senza grandi problemi anche all’aperto sotto il sole, non dico che riesce a vincere contro il sole cocente, ma da questo punto di vista risulta migliore di molti altri modelli.

Processore Mediatek MT6589 quad-core da 1.5 Ghz (1.508 Ghz Reali come velocità massima), si tratta di una CPU di classe Arm Cortex A7, pienamente compatibile e supportata da molte delle applicazioni del market.
Memoria Ram 2 Gigabytes. Lo spazio di archiviazione interno è pari a 32 Gb (poco più di 21 Gb a disposizione dell’utente) espandibile con schede MicroSD fino ad ulteriori 64Gb.
Utilizzando il programma di benchmark Antutu ho ottenuto un punteggio massimo di 15507 punti, valore indubbiamente elevato, d’altronde si tratta di un Quad core da 1.5 Ghz con coprocessore grafico PowerVR SGX544MP. Giusto per fare qualche confronto, con il Galaxy Nexus ottengo poco meno di 10000 punti, circa 13000 con il tablet Nexus7 (prima versione), appena 6400 punti con il dualcore Alcatel 997D, di contro c’è da dire che i mostri del mercato come il Galaxy Note III di Samsung ed il Sony Experia Z Ultra hanno valori superiori a 30 mila punti.
Ad ogni modo questi sono solo numeri, indici che possono non trovare un vero riscontro nell’uso reale del telefono. Il Komu K5 appare sempre veloce e reattivo, anche con diverse applicazioni aperte e funzionanti contemporaneamente. Ho provato a metterlo in difficoltà con un video FullHD abbastanza pesante proveniente da una fotocamera reflex, lo ha mandato in play in maniera fluida e senza alcuna incertezza. Naturalmente manda in play qualunque altro video gli si dia in pasto, personalmente ho utilizzato per la prova MX Player prelevabile gratuitamente dal market.

Doppia fotocamera, posteriore da 13 Megapixel, anteriore da 5 Megapixel. Può scattare foto fino alla risoluzione di 3072×4096 pixel e riprendere video fino al formato FullHD (1920×1080 a 30fps).

La qualità fotografica è buona in esterni, considerando che si tratta di un cellulare, appena accettabile invece negli interni non particolarmente illuminati, caratteristica tipica dei piccoli sensori montati comunemente sui telefoni. Per quanto riguarda i video il divario qualitativo tra riprese in esterni e interni è invece meno marcato, in generale si ottengono comunque risultati più che apprezzabili.
Qui trovate un video di esempio realizzato proprio con il K5 Turbo (chiedo scusa per l’immagine poco stabile, colpa mia e del freddo che mi faceva tremare).

Sistema operativo Android in versione 4.2.1, pieno accesso al market online Google Play Store. Diversi software preinstallati tra cui i client per accedere ai social network e sistemi di messaggistica Twitter e Facebook.
L’interfaccia utente è praticamente una Android pura, senza abbellimenti o funzionalità aggiuntive tipo la Touchwiz di Samsung, tutto appare intuitivo ed estremamente fluido, senza inutili fronzoli.
Apprezzo il fatto di non trovare software inutili preinstallati, giochi demo o programmi in versione dimostrativa, tanto c’è il market per scaricare ed installare in un attimo qualunque cosa ci serva.

Completa dotazione di sensori: GPS, prossimità, accelerometro, luminosità, giroscopio, gravità, magnetico su 3 assi e orientamento. Nota di merito per il GPS, il fix dei satelliti sia a caldo che a freddo è decisamente veloce. L’ho testato con il navigatore di Google Maps ed ha funzionato sempre in modo molto preciso.

E’ un dualsim dual standby, ciò significa che si tratta di un apparato con cui poter gestire due distinti numeri telefonici. La connettività GSM e 3G Umts lo rende compatibile con le schede SIM di tutti gli operatori. Ad ogni modo solo uno dei due slot può funzionare in modalità 3G, la scelta si può fare dinamicamente via software, senza necessità di aprire lo sportello posteriore. Nota: lo Slot1 accetta SIM in formato standard, lo slot2 invece solo micro SIM.

Per la connessione internet possiamo sfruttare il WiFi o l’accesso su rete mobile fino allo standard HSDPA con velocità massima di 42 Mbps.
Ad onor del vero sensibilità e stabilità del segnale WiFi non sono affatto eccellenti. Se la potenza del segnale non è elevata si possono incontrare difficoltà nello scaricare pagine web o visualizzare video in streaming.
Uso spesso il mio telefono in un punto di casa con segnale WiFi scarso, il Galaxy Nexus aggancia con difficoltà ma tutto sommato tra alti e bassi riesco a navigare, nello stesso punto il K5 proprio non aggancia per nulla. Intendiamoci, il WiFi va abbastanza bene, solo che appare meno sensibile di quello di altri telefoni.

Le impressioni d’uso sono variate nel corso della prova. Alla prima accensione mi è stato chiesto di fare l’aggiornamento del software, ovviamente ho apprezzato ciò, una casa che aggiorna il firmware (sistema operativo) dei propri apparati ha cura del cliente e vuole che esso rimanga pienamente soddisfatto dell’acquisto.
Prima di tale operazione ho rilevato diversi problemi. Dopo l’aggiornamento tutto è sembrato filare liscio, il programma di Benchmark esegue la suite di test senza intoppi, tutti i softwares scaricati ed installati funzionano correttamente, l’intero sistema appare veloce e scattante, mai una incertezza o rallentamento, merito ciò del quad-core associato ai 2 giga di ram. Allo stesso modo ho rilevato una buona stabilità, la prova è durata solo pochi giorni ma, in questo tempo, mai un blocco o una rilevante condizione di errore.

Conclusioni

In passato costava 350 euro e più, recentemente il costo del K5 Turbo è stato abbassato a 329 euro, lo si può acquistare direttamente dal sito ufficiale KomuStore.
Un apparato potente e versatile, tutta la flessibilità del sistema Android con le buone performances garantite da una veloce CPU e un generoso quantitativo di Ram. Decisamente ampio lo spazio di archiviazione interno, comunque espandibile con comuni schede MicroSD.
Certo, dal punto di vista della potenza pura, cede il passo agli apparati di punta del mercato, ma stiamo anche parlando di smartphones che costano più del doppio, quindi è inopportuno qualunque paragone.
A mio avviso il Komu K5 Turbo si dimostra un’ottima scelta per chi vuole dare il massimo valore ai propri soldi e ottenere al contempo un telefono moderno e veloce con funzionalità dualsim.

Ti piace questo articolo? Consiglialo ad altri utenti:

3 Responses to “Komu K5 Turbo recensione completa”


Leave a Reply