Guida alla scelta del TabletPC Android

Guida ragionata alla scelta del giusto Tablet Pc con sistema operativo Android. Caratteristiche tecniche, funzioni fondamentali e secondarie. Processore, display lcd touch, memoria, sensore gps, fotocamera, accesso al market ed altri parametri da tenere in considerazione quando si va a scegliere ed acquistare un TabletPC. Trovare il giusto compromesso tra prezzo basso e funzionalità utili alle proprie personali esigenze.

Il mercato è ormai invaso da centinaia di modelli di TabletPC diversi per funzioni e dotazione hardware, ed in molti casi risulta difficile orientarsi tra le varie offerte in termini di specifiche tecniche. Questa guida vuole quindi fornire alcune indicazioni generali per scegliere il giusto hardware, cercando nel contempo di trovare il miglior rapporto tra dotazione e prezzo.

Display – l’elemento probabilmente più importante di un qualunque Tablet. Il principale mezzo di interazione: mostra vari contenuti e riceve comandi dall’utente. Ovviamente deve trattarsi di uno schermo touchscreen, fondamentale che sia un display del tipo capacitivo multitouch, per intenderci uno di quei display che rilevano il tocco delle dita per semplice sfioramento, non c’è alcun bisogno di esercitare pressione su di essi. Questi schermi sono di facile uso e permettono comandi avanzati mediante l’impiego di più dita o di apposite gestures (muovere secondo determinati schemi i polpastrelli sulla superfice). In giro esistono ancora display resistivi di vecchia generazione, lenti e imprecisi, scomodi per tutti quei movimenti che implicano il trascinamento delle dita, rilevano un solo tocco alla volta e in rari casi due, attenzione quindi a quei tablet indicati semplicemente come multitouch senza specificare però che si tratta di un display capacitivo.
Per quanto riguarda le dimensioni la scelta deve invece basarsi sull’uso che ne intendiamo fare, un display da 10 pollici garantisce una visione indubbiamente più ampia, la navigazione web risulta più comoda e anche la fruizione di video ne trae un gran vantaggio. Di contro un display più piccolo, 7 o 8 pollici, garantisce solitamente una maggiore portabilità. Giusto per fare un esempio, un tablet con schermo da 7″ può entrare agevolmente anche nella tasca di una giacca, uno da 10″ necessita invece di una apposita cover e lo si deve magari trasportare in un borsello. Inoltre i display più piccoli costano generalmente meno e, a parità di tecnologia, consumano meno energia elettrica garantendo quindi una maggiore autonomia. Insomma per quanto riguarda la dimensione non esiste una linea guida generale, se prediligete la portabilità e volete spendere meno allora optate per un modello da 7 o 8 pollici, se volete una visione più ampia allora preferite un 10 pollici. In ogni caso l’importante è che si tratti di un display multitouch Capacitivo.
Per la risoluzione il discorso è molto semplice: più è alta e meglio è. Una maggiore risoluzione permette di avere caratteri più definiti, utile per la lettura di ebook o dei semplici caratteri delle pagine web, gli occhi si affaticano meno, le foto ed i video vengono visualizzati con una migliore qualità (specialmente quelli in alta definizione HD o FullHD) e in generale tutti gli elementi grafici risultano più gradevoli.

CPU – Importante che il processore sia di classe ARM, va bene se sulla scatola o nelle specifiche si trova una indicazione del tipo Cortex A8, Cortex A9, ARM7, Arm9, A10, Arm11 o simili. Ciò garantisce una buona compatibilità con le numerosissime applicazioni del market. Android è un sistema standard che in qualche modo permette di far girare gli stessi programmi su piattaforme hardware diverse, ma ci sono applicazioni fortemenete dipendenti dallo specifico set di istruzioni, e avere una CPU della famiglia Arm Cortex ci garantisce una ragionevole compatibilità con migliaia di app.
Dico questo perché in passato ho avuto modo di provare alcuni tablet e smartphone Android con processori generici, il sistema operativo non girava in maniera fluida, alcuni programmi funzionavano abbastanza bene ma quando cercavo qualcosa di più avanzato incorrevo in parecchie difficoltà. Ad esempio molti player video sono ottimizzati per processori Arm, e su Cpu di altra categoria possono dare problemi o addirittura non partire affatto.
In giro si trovano Tablet con Cpu di numerosi marchi: MediaTek (solitamente hanno una sigla che inizia con MK o MKT), Texas Instruments Omap, Nvidia Tegra, Rockchip (es RK3066), Qualcomm, Lg, Samsung, Intel Freescale o altri. Esula dagli scopi di questo articolo indicare un singolo marchio o processore piuttosto che un altro, l’importante però è che sia una Cpu di classe Arm.
Per quanto riguarda la velocità, credo che attualmente ci si debba orientare su CPU con clock da almeno 1.0 o 1.2 Ghz, meglio ancora se si tratta di dual-core o quad-core (rispettivamente due o quattro distinte unità di calcolo all’interno di un’unico processore).

Memoria Ram – oggi il quantitativo minimo di memoria da tenere in considerazione è di 512 megabytes, ancor meglio se ne si ha a disposizione 1 Gigabyte. Una dotazione di Ram più elevata è utile per far girare al meglio le applicazioni più complesse o nelle situazioni in cui ci sono più programmi contemporaneamente in esecuzione. Molti tablet in commercio, soprattutto i modelli più economici, hanno solo 256 Mb di ram, tutto sommato anche questo quantitativo è accettabile, ma è bene sapere che con una simile dotazione il sistema può risultare lento e alcuni programmi potrebbero incontrare difficoltà a girare correttamente.

Spazio di archiviazione, memoria interna, scheda MicroSD – I Tablet possono svolgere molteplici attività, e con il tempo al loro interno possono essere memorizzati migliaia di files di varia tipologia: documenti, libri in pdf, fotografie, musiche mp3, filmati, le stesse applicazioni, giochi, navigatori satellitari con mappe italiane ed europee e molto altro. Per tale motivo si ha generalmente bisogno un un generoso quantitativo di spazio. Non dico che ogni utente sfrutti il Tablet per tutte le funzionalità sopra elencate, ma avere uno storage di alcuni Gigabytes è a mio avviso fondamentale.
Ogni tablet dispone solitamente di uno spazio interno espandibile grazie ad uno slot per schede MicroSD. Personalmente credo che si possa risparmiare optando per un modello con memora interna di soli 2 o 4Gb, e poi acquistare a parte una MicroSD da almeno 16Gb.

Market Android Ufficiale (oggi Google Play Store) – sebbene sia possibile installare applicazioni direttamente dai files apk, oppure sfruttare i numerosi market Android alternativi, l’accesso al canale di distribuzione software ufficiale è insostituibile. Alcune applicazioni sono disponibili infatti unicamente sul Play Store e il fatto di non accedervi potrebbe risultare alquanto limitante. Per tale motivo consiglio di chiedere sempre, al momento dell’acquisto, informazioni precise in merito: “questo tablet accede al Google Play store ufficiale o sfrutta solo market alternativi?”, una domanda semplice a cui qualunque commesso o addetto alla vendita dovrebbe saper rispondere senza grossi problemi.

Fotocamera – Ma davvero pensate di usare il Tablet per fare foto o filmati? Ogni tanto vedo in giro persone che imbracciano il tablet, perlopiù Apple iPad, a mo’ di televisore davanti il viso, inquadrano la scena e iniziano a riprendere. Una soluzione indubbiamente scomoda, a volte si ha l’impressione che lo facciano solo per far vedere il loro gioiellino ultratecnologico agli altri.
Comunque, se per voi è una caratteristica utile, allora considerate pure l’acquisto di un modello con tale feature, altrimenti tralasciate del tutto la fotocamera.

Sensore GPS – utile per usare il tablet come navigatore satellitare, in tal caso dovete però considerare anche l’acquisto di un software di navigazione (o l’uso di uno gratuito offline come MapFactor) ed il supporto per l’automobile.
Un grande schermo posizionato sul parabrezza è in qualche modo spettacolare, ma può risultare d’impaccio e ostruire eccessivamente la visuale. Oggi è possibile usare per la navigazione anche un comune smartphone, oppure comprare un vero navigatore satellitare GPS per poche decine di euro, quindi non so fino a che punto convenga sfruttare il tablet per questo scopo. Ad ogni modo, se c’è il GPS e non incide troppo sul prezzo, allora fatelo vostro :)

Connettività WiFi – praticamente quasi tutti i tabletPC Android in commercio ne sono provvisti, permette di accedere ad internet mediante access point privati o hotspots pubblici. Caratteristica fondamentale, non comprate mai nulla che non abbia il WiFi o che lo renda disponibile solo mediante dongle/adattatore esterno (scomodissimo).

Connettività 3G – accesso ad internet mediante rete mobile, indubbiamente utile, apre tutto un mare di possibilità, in pratica permette di svolgere una quantità pressoché infinita di attività in completa mobilità. Il problema è che tale caratteristica attualmente è appannaggio solo dei tablet di fascia alta, ovviamente più costosi, inoltre l’accesso ad internet mobile implica l’uso di una scheda SIM con relativo abbonamento con piano dati attivato su di essa. Caratteristica sicuramente interessante ma abbastanza costosa.

Autonomia – vera nota dolente di molti tablet, i grandi display ed i processori potenti consumano molta energia, e alla fine l’autonomia reale si riduce a poche ore. Dover portare sempre il caricabatterie dietro con se è piuttosto scomodo, per tale motivo consiglio di tenere in grande considerazione questo parametro.

Dove acquistare il Tablet?

Ormai si trovano un po’ dappertutto, nei punti vendita delle grandi catene di prodotti elettronici e persino nei supermercati. All’interno dei volantini delle offerte vengono proposti talvolta a prezzi molto convenienti. Naturalmente nei negozi online è presente una vastissima offerta in tal senso. Ed ora, grazie alle informazioni riportate in questo articolo, dovreste essere in grado di scegliere da soli il tablet giusto per voi :)
Un ultimo consiglio: verificate sempre le condizioni di garanzia, chiedete a chi ci si deve rivolgere in caso di guasti o malfunzionamenti. Esiste un centro di assistenza italiano? posso sfruttare il diritto di recesso nel caso in cui il TabletPC comprato non mi soddisfi? Sempre meglio una domanda in più prima piuttosto che rimanere delusi dopo l’acquisto.

Ti piace questo articolo? Consiglialo ad altri utenti:

1 Response to “Guida alla scelta del TabletPC Android”


  • mi hanno appena regalato un Android 4.0 system tablet pc ARM Cortex- A8 1GHz – 1.5GHz 512Mb espandibile con TF max32G. esiste una guida all’uso o un manuale video? a parte le azioni intuitive non so come usarlo, e soprattutto se devo configurarlo per accedere ai servizi. potete aiutarmi?

Leave a Reply