Creare hotspot wireless per l’accesso internet in bar, ristoranti e pub

Ho un ristorante, una pizzeria, un bas, wine bar, albergo o comunque un locale commerciale ad accesso pubblico. Voglio offrire l’accesso internet ai miei clienti, gratuitamente o a pagamento. Come posso fare? Si tratta di una operazione semplice? Posso utilizzare un semplice router WiFi per fornire il collegamento internet a tutte le persone nel mio locale? Si tratta di una soluzione legale?

Sempre più locali pubblici offrono il collegamento internet ai loro clienti. La possibilità di sfruttare una linea ADSL via WiFi è una cosa molto utile e, considerando che tanti oggi devono necessariamente accedere ad internet per usare appieno i loro smartphones, la possibilità di utilizzare gratuitamente la connessione del locale può essere un vero valore aggiunto.

Diffondere la connessione internet tecnicamente è facilissimo, basta avere una linea ADSL e collegarci un comunissimo modem router WiFi, comunichiamo ai clienti il nome della rete e tutto funziona perfettamente. Costi: il canone della linea ADSL e i 30-40 euro una tantum per l’acquisto del modem-router. Molti locali in effetti fanno così, qualcuno cripta la linea fornendo la password sullo scontrino o un semplice foglietto di carta.

Ma c’è un problema, la soluzione del modem router non è legale. Per legge, chiunque fornisca un accesso internet, è tenuto a tenere traccia delle connessioni e dei clienti che utilizzano la propria linea. Non è necessario fare una copia di backup di tutto il traffico ma almeno mantenere i log delle singole connessioni. In tal modo si avrà la possibilità di risalire all’identità dell’utilizzatore in caso di uso non legale della stessa linea.

Sono quindi nati servizi specificatamente sviluppati per tale scopo. Nel seguito dell’articolo elenco alcune tra le migliori soluzioni per creare un hotspot nel proprio locale pubblico.

La prima segnalazione riguarda Wizio, un sistema completamente automatico per realizzare hotspot in bar, ristoranti, stabilimenti balneari, pub o altri ambienti. Condivide la connessione con computer portatili ma anche tabletPC, smartphone Android, Iphone, Ipad o qualunque altro apparato in grado di accedere ad internet via WiFi. Gli utenti vengono autenticati tramite SMS e la stessa Wizio si occupa di mantenere l’archivio dei log di navigazione. Costi da 9,90€ fino a 19,90€ al mese a seconda del numero di accessi massimi. Offre anche un’opzione gratuita con Ricaricard, dedicata a chi vuole vendere ore di accesso internet ai propri clienti.

Wispot offre un servizio del tutto analogo ma con opzioni a mio avviso più interessanti. Il gestore sceglie un piano tra quelli disponibili e riceve gratuitamente, o con un contributo una tantum, il kit facile da installare e configurare. Wispot si occupa di tutto il resto, la fornitura del servizio e l’autenticazione dei clienti via Facebook o con SMS. Il piano Free non ha canone mensile ma limita la connessione per ogni utente a 30 minuti al giorno. Il piano medium costa 19€ e offre connessioni illimitate. Chi ha esigenze particolari può optare invece per il piano Unlimited, questo permette di collegare hotspot aggiuntivi o di autenticare gli utenti anche con scratch card o carta di credito.

Quella di Hotspotfaidate è una delle soluzioni più economiche. L’acquisto del Kit base costa appena 29€ e, una volta ricevuto, si è pronti per partire. Non c’è canone mensile ma si paga l’invio di un SMS per ogni utente che si collega. I pacchetti di SMS devono essere acquistati dallo stesso gestore del servizio. Questa soluzione è interessante con pochi clienti connessi ad internet in un mese, ma può diventare fin troppo dispendiosa quando il loro numero cresce.

Volete una soluzione completamente a costo zero, senza canoni mensili o altre spese? Allora dovete utilizzare un router compatibile con il firmware DD-WRT, flasharlo con tale firmware per abilitare la funzione di hotspot, quindi sottoscrivere un abbonamento gratuito a HotspotSystem e collegare il vostro router a tale servizio, seguendo le istruzioni fornite dallo stesso. In tal modo sarete voi a gestire direttamente i log delle connessioni, scegliendo tra autenticazione via Facebook, SMS, email oppure tramite Voucher da distribuire gratuitamente o rivendere ai vostri clienti.

Ti piace questo articolo? Consiglialo ad altri utenti:

0 Responses to “Creare hotspot wireless per l’accesso internet in bar, ristoranti e pub”


  • No Comments

Leave a Reply