EEEPC 1101HA – Prime impressioni

L’ho visto sullo scaffale tutto solo. Lo fissavo con interesse e lui mi guardava come un piccolo cucciolo desideroso di attenzioni. Non ho resistito e l’ho comprato :) Finalmente l’Asus eeePC 1101HA è nelle mie mani. Prime impressioni su questo fantastico Netbook nel seguito dell’articolo. Quanto prima scriverò una approfondita recensione del prodotto.

Probabilmente nei prossimi giorni il presente blog godrà di pochi aggiornamenti, d’altronde sono impegnato con il mio nuovo “giocattolo” e sono fermamente intenzionato a metterlo a dura prova. A parte gli scherzi, l’obiettivo è quello di stilare una valida recensione del prodotto, affidabile ed il più completa possibile.
In questa sede mi limiterò a fornire le prime impressioni relativamente all’uso dell’Asus EEEPC 1101HA.
Nota: posseggo anche un Aspire One A150 e, ove possibile, cercherò di soffermarmi in una sorta di confronto tra i due modelli.

Estetica accattivante, sembra quasi di aver acquistato un prodotto di design e non uno strumento di lavoro (o svago). Linee morbide e particolari curati fin nei minimi dettagli, l’attenzione di Asus verso i nuovi eeePC è sicuramente certosina.

Lo schermo di 11.6 pollici si fa subito notare per le sue generose dimensioni. Sono abituato ad usare un Acer Aspire One con display da 9″ e devo ricoscere che quei pochi pollici in più del prodotto Asus garantiscono una visione più comoda e meno stressante per gli occhi. Buono anche l’angolo di visione verticale, elemento fondamentale per i Netbook che solitamente vengono utilizzati nelle posizioni più disparate: dal classico appoggio su un piano fino al posizionamento sulle ginocchia.

Display più grande equivale ovviamente ad una tastiera più comoda, con tasti di dimensioni maggiori e meglio distanziati. A dire il vero avrei preferito una soluzione con tasti ad isola come l’eeePC 1000HE o il recente Aspire One 751h ma il confort offerto dall’eeePC 1101 si attesta comunque su ottimi livelli. Non mi piace lo shift destro (il tasto per le maiuscole per intenderci) troppo piccolo e non facilmente raggiungibile e i tasti pag up e down, mappati sui tasti direzione ed utilizzabili solo in combinazione con il pulsante Fn, meglio abituarsi fin da subito ad usare le funzioni di scorrimento mediante touchpad. Ok sono troppo pignolo, oppure devo solo farci l’abitudine :)

Velocità operativa. Wow, sarà che Asus non installa troppi software inutili che si avviano automaticamente al boot del sistema ma davvero questo piccolino va che è una meraviglia. Sinceramente non mi aspettavo grandi performances dall’Atom Z520 a 1.33 Ghz, soprattutto in rapporto al N270 da 1.6 Ghz  dell’AOne. Ed invece a quanto pare le ottimizzazioni proprie della serie Z riescono efficacemente a compensare la minore velocità in termini di Mhz. Il sistema è veloce e reattivo, adatto per tutti gli usi tipici di un Netbook, si avvia senza particolari attese e il lancio delle applicazioni risulta generalmente rapido, merito probabilmente anche dell’hard disk (canonici 160 Gb) montato su questo modello. Prima di esprimere questo giudizio ho ovviamente installato sull’eeePC le applicazioni considerate ormai dotazione standard: antivirus e firewall.

Autonomia. I Netbooks con batterie a 6 celle possono vantare una autonomia molto più elevata di un normale notebook, in particolare questo eeePC è dichiarato dalla casa costruttrice per un funzionamento continuativo fino a 9.5 ore. Rimane da vedere quanto questi dati corrispondano a verità, farò prove approfondite in proposito. Per il momento sono quasi stupito nel rilevare nell’apposita icona nella tray bar autonomie residue di 5-6 ore… finalmente posso girare senza portarmi dietro il caricabatteria.

La scheda Wi-Fi integrata ò funzionare secondo lo standard 802.11n ed ovviamente è retrocompatibile con quelli inferiori. Purtroppo non dispongo di una connessione “n” quindi non potrò provare la massima velocità del collegamento wireless. Anche rimanendo in ambito “g” le prestazioni risultano però particolarmente valide, il segnale è stabile anche a medie distanze e con ostacoli di vario tipo, probabilmente questo dipende dalla tecnologia MIMO che permette di sfruttare il segnale di più antenne contemporaneamente. Giusto per fare un esempio, l’eeePC 1101 riesce a connettersi stabilmente anche da posizioni in cui l’Aspire One non rileva alcuna rete senza fili.

Il Touchpad è ampio e risponde efficacemente al movimento dei polpastrelli, ottime le funzionalità di zoom (attivabile con l’uso contemporaneo di 2 dita), spostamento e rotazione. I pulsanti sono in una posizione intuitiva e facilmente accessibile.

Tanta comodità in più ovviamente si paga in termini di Dimensioni e Peso. 1.4 Kg e alcuni centimetri in più rispetto ad un modello da 9 pollici. La portabilità ovviamente ne risente anche se risulta comunque di gran lunga superiore a qualsiasi Notebook tradizionale in commercio.

Rimando ulteriori trattazioni e approfondimenti alla futura recensione dell’Asus EeePC 1101.
Per il momento mi limito a dire che si tratta di un ottimo prodotto, grande qualità e comfort d’uso. E brava Asus!

Ti piace questo articolo? Consiglialo ad altri utenti:

3 Responses to “EEEPC 1101HA – Prime impressioni”


  • …anch’io avrei preferito tasti ad isola o come quelli dell’acer da 11.6″. Ma siamo sicuri che la tastiera non ha le stesse dimensioni di quella del 1000HE??Perche’in tal caso si potrebbe sostituire. Su Ebay ci sono molti annunci di tastiere ad isola per i vari modelli eee ma niente che sia dichiarato compatibile anche per il 1101HA…tu sai nulla al riguardo?
    Grazie

  • Uhm… non credo sia possibile, sul mio 1101 la tastiera arriva quasi da bordo a bordo, non rimane molto spazio disponibile. Ne deduco che la tastiera è comunque più grande, magari leggermente, del 1000HE.
    E comunque dopo i primi giorni di prove si è rivelata comodissima, sinceramente non penso proprio di sostituirla.

    Ciao!

Leave a Reply