Vogue V401 (M401) – Recensione sigaretta elettronica

Recensione completa della sigaretta elettronica Vogue V401. Come funziona. Quanto costa. Quanto dura la batteria. Prestazioni e resa aromatica. Uso con i cartomizzatori. Pregi e difetti. Ricambi e accessori M401. Compatibilità con altre e-cigs.

La Vogue V401 appartiene alla (grande) famiglia delle sigarette elettroniche serie 40x. I singoli apparati sono identificati da diverse sigle (401, S401, Smoore M401, SaiLebao DSE401) ma presentano differenze minime, in alcuni casi corrispondono proprio allo stesso prodotto ribrandizzato dai distributori. Ovviamente vi è una completa interoperabilità tra batterie ed accessori dei vari modelli, anche se prodotti da diverse aziende.
Elemento comune è la numerazione relativa alla varietà di batterie impiegate:

  • 403 – dimensioni paragonabili ad una normale sigaretta
  • 402 – dimensioni simili ad una 100′s
  • 401 – 1 cm più lunga della 402

Cambiando la lunghezza delle singole batterie, naturalmente cambia anche la capacità delle stesse. Il modello 401 provato è quello con maggiore capacità, adatto a tutti quegli utenti che vogliono godere di una buona autonomia d’esercizio.

Confezione – Il Kit base da me provato è contenuto in un pacchetto di materiale plastico nero lucido con il logo Vogue impresso nei due lati principali. Le dimensioni sono simili ad un normale pacchetto di sigarette. Al suo interno trovano posto la batteria, il caricabatteria USB, atomizzatore e copri atomizzatore. Ulteriori alloggiamenti possono essere sfruttati per ospitare cartucce o cartomizzatori.

Nella confezione è presente anche un manuale utente in Inglese relativo alle norme d’uso generali del prodotto.

Ergonomia & peso – La V401 presenta forma, colore e dimensioni simili ad una tradizionale sigaretta con tabacco. Somiglianza accentuata dall’accensione, all’atto di aspirare, di un piccolo led arancione nella parte frontale. Nell’uso generale può tranquillamente essere scambiata per una normale sigaretta: si porta alla bocca, si aspira e si espelle il vapore risultante dalla vaporizzazione del liquido, gestualità e immagine sono pressoché identici a quelli di un tipico fumatore.

La sigaretta in configurazione completa di batteria, atomizzatore e cartuccia carica ha un peso di circa 13 grammi. Utilizzando il cartomizzatore si sale a circa 14 grammi. Peso non eccessivo ma comunque sufficiente a rendere difficoltoso tenerla in bocca senza l’ausilio delle mani, problema peraltro comune a tutti i modelli di E-Sig in commercio.

Batteria – La batteria automatica agli Ioni di Litio ha un voltaggio nominale di 3.7 volt e una capacità di 200 mAh. All’atto pratico ha dimostrato di poter funzionare per un tempo di circa 4-5 ore di svapo di media intensità. La durata effettiva dipende ovviamente dalle abitudini dell’utente, in particolar modo da frequenza e profondità delle boccate. La resa si dimostra costante per quasi tutta la sua capacità, con una leggera flessione solo una decina di ‘tiri’ prima di iniziare a lampeggiare, condizione questa atta ad indicare lo stato di batteria scarica.
Il caricabatteria USB in dotazione eroga una corrente di 120 mAh a 4.2 volt ed impiega circa 2 ore per caricare completamente la batteria.

Resa aromatica, prestazioni – Gli atomizzatori della serie M401 sono considerati universalmente tra i migliori del mercato per quanto riguarda la resa aromatica. Personalmente l’ho trovato davvero ottimo, talmente efficiente da farne il mio strumento principale per provare nuovi liquidi e aromi.
Alla misura con un tester, l’atom presenta una resistenza di 3.3 Ohm, valore adeguato al tipo di batteria impiegato. Il vapore è sufficientemente corposo ma non particolarmente caldo. Nella media l’hit (colpo in gola).

Il sensore di pressione preposto all’attivazione della sigaretta offre una discreta resistenza, bisogna quindi aspirare con una certa intensità per riuscire ad accenderla. In generale non è un problema, ma è comunque necessario farci l’abitudine. Di contro, questa resistenza evita completamente le attivazioni accidentali.

Cartomizzatori – Sebbene funzioni in maniera impeccabile anche con l’atomizzatore, è con i cartom seconda edizione che, a mio personale giudizio, la  401 mostra il meglio di se offrendo una ottima resa aromatica unita ad una straordinaria autonomia d’esercizio, praticamente un intero giorno di svapo senza dover armeggiare continuamente con cartucce e flaconi di liquido.

Gli esemplari da me provati hanno una resistenza di 3.2 Ohm. Per caricarli è necessario utilizzare una siringa con gli appositi aghi in dotazione (in plastica, non pericolosi), il procedimento non è affatto difficoltoso e si riduce a pochi semplici passi.
Ne carico un paio la sera impiegando non più di 5 minuti, magari scelgo anche dei gusti differenti in modo da usarli alternativamente in base alle mie necessità, infine li inserisco nel pacchetto per portarli con me il giorno successivo insieme alla batteria. Davvero comodo.

Pro e Contro – Un breve elenco di quelli che, a mio avviso, sono i punti di forza e gli elementi migliorabili di questa sigaretta elettronica:
Pro

  • Dimensioni contenute – Stessa forma e gestualità di una tradizionale sigaretta
  • Buona autonomia – 4-5 ore sono un buon risultato tenendo conto delle dimensioni della batteria
  • Resa automatica – restituisce al meglio anche le più piccole sfumature degli aromi utilizzati
  • Cartomizzatori Ed2 – i cartom della M401 sono probabilmente i meglio riusciti tra tutti quelli di seconda edizione
  • Compatibilità – le sigarette della serie 40x sono estremamente diffuse e reperibili in molti negozi online, non avrete alcun problema a trovare ricambi o accessori di vario tipo

Nota: un piccolo appunto riguardo la compatibilità. Osservando la 401 e la sigaretta Health e-Cigarette, si potrebbe pensare che le loro componenti siano in qualche modo intercambiabili. Ho provato personalmente e, a scanso di equivoci vi dico subito che la risposta è ‘no, non sono compatibili’, il passo della filettatura è leggermente diverso e non è possibile montare l’atom di una sull’altra e viceversa.

Contro

  • Per inserire la sigaretta nel pacchetto è necessario smontarla
  • Il sensore di aspirazione offre una resistenza superiore ad altri modelli

Videorecensione – Un video riassunto di questa recensione. Notate in particolare il confronto di dimensioni con le altre sigarette.

Conclusioni, prezzo, consigli – Un prodotto davvero interessante, l’ideale per chiunque voglia una E-Cig funzionale, discreta, di ottima qualità e con una eccezionale resa aromatica. Ovviamente non ha le prestazioni in termini di Hit e fumosità di un modello Big Battery (BB) come la eGo. Di contro risulta estremamente portabile, l’ideale per tutti quegli utenti che non vogliono dare nell’occhio, apparendo in tutto e per tutto come dei normali fumatori. Con la differenza però di poterla usare liberamente in Bar, Ristoranti, Pub, centri commerciali ed altri luoghi pubblici.

Lo Starter Kit Base V401 che ho provato è proposto in vendita dal negozio online FumoDigitale per 24.90€. Personalmente ritengo tale Kit adatto maggiormente a chi vuole semplicemente provare il prodotto. Per un utilizzo sistematico è consigliabile infatti dotarsi di qualche altro elemento: una seconda batteria, un atomizzatore di ricambio ed eventualmente un PCC, perfetto per caricare le batterie ‘on-the-go’. In alternativa si può sostituire l’accoppiata atomizzatore+cartucce con i validissimi ed estremamente comodi cartomizzatori ED2.

Ti piace questo articolo? Consiglialo ad altri utenti:

0 Responses to “Vogue V401 (M401) – Recensione sigaretta elettronica”


Comments are currently closed.