PortaPow Fast Charge per velocizzare la ricarica USB – Recensione

Adattatore per aumentare la corrente in passaggio attraverso un comune cavo USB, rende più veloce la ricarica di telefoni, tablet e batterie esterne. Inoltre aumenta la privacy bloccando il trasferimento dati via USB.

Il problema – ricarica lenta

Gli apparati divengono sempre più smart, intelligenti, e sono in grado di comunicare tra loro trasmettendo dati più o meno importanti. Taluni smartphones di fascia alta dialogano anche con il caricabatteria, specificando voltaggio e quantità di corrente di cui necessitano.

Il problema è che questa forma di comunicazione non è standard. Pertanto può capitare di avere una carica eccessivamente lenta usando un caricabatterie generico o per apparati Android con gli Iphone i Ipad, oppure viceversa.

Intendiamoci, ciò non capita sempre, molte persone non rilevano tale lentezza. Semplicemente non hanno dispositivi che regolano e limitano il passaggio di corrente.

Molto più comune invece la ricarica lenta dalle porte USB del computer. Tramite il cavo passano corrente e informazioni, pertanto l’energia viene frazionata. Solitamente quella in uscita è limitata a mezzo Ampere, circa 500 mAh.

Soluzione – PortaPow Fast Charge

PortaPow Fast ChargeAdattatore di piccole dimensioni, dispone di due porte USB Type-A, una maschio ed un’altra femmina dal lato opposto. Si posiziona nel mezzo tra l’alimentatore, o la porta USB, ed il dispositivo da caricare.
Ad esempio posso inserirlo sulla porta di un PC. Quindi collego ad esso il cavo per ricaricare il telefono.
Non richiede conoscenze particolari o cavi aggiuntivi rispetto a quelli che utilizziamo normalmente.

Il suo scopo principale è quello di bloccare completamente il trasferimento dati tra gli apparati ad esso collegati. In tal modo smartphone, tablet e computer non possono comunicare. Eventuali protocolli per regolare il passaggio di corrente vengono inibiti.


L’effetto immediato è quello di sfruttare tutta l’energia disponibile. Sarà quindi il telefono e non la sorgente a limitarla in base alle sue esigenze di carica.
Costa meno di 10 euro, è sufficientemente piccolo per portarlo sempre con noi e usarlo all’occorrenza. Personalmente l’ho preso da Amazon per 6,99€ compresa la spedizione veloce con consegna in 2-3 giorni.
Si trova anche su Ebay con prezzi analoghi.

Privacy

Effetto secondario, ma non di poco conto, è la protezione dei dati personali. Alcuni software sul computer riconoscono al volo l’apparato collegato via USB. Si apre Itunes automaticamente per sincronizzare dati, o altri programmi che leggono e copiano fotografie, musiche, sbirciano nella rubrica dei contatti o negli elenchi degli SMS o delle chiamate fatte e ricevute.
Ecco, impiegando PortaPow Fast Charge tutto ciò non succede, uno smartphone viene visto al pari di una batteria esterna, nessun dato viene scambiato.

La prova


Per testarne il funzionamento ho impiegato un semplice tester per porte e cavi USB.
Anche questo si posiziona nel mezzo del collegamento, grazie al display LCD incorporato visualizza voltaggio e corrente. Utile per verificare gli ampere che effettivamente passano attraverso quella porta.
Ebbene, PortaPow funziona davvero, anche se la sua reale utilità può variare a seconda dei casi.

Con i miei caricabatterie non ho rilevato alcun miglioramento. Quello da 1 Ampere, che poi in realtà tira fuori circa 820 mAh, ha mantenuto la stessa corrente in uscita con o senza il PortaPow. Situazione analoga con alimentatori da 2A o con il pannello solare con uscite USB.

Per le porte del computer la situazione cambia. Normalmente tirano fuori qualcosa come 450 mAh, ma con il PortaPow arrivano anche a 750-800 mAh, insomma quasi il doppio, e la velocità di ricarica ne risente in modo decisamente positivo.

Perfetto per la riservatezza. Collegando il telefono al PC non viene rilevato in alcun modo. Da risorse del computer non risulta nulla, non si sente alcun segnale sonoro e non parte alcun programma. In più ho il vantaggio di spremere dalla porta USB diversi mAh in più.

Opinioni, conclusioni

In definitiva si tratta di un accessorio con una sua precisa funzionalità. Come detto sopra ci sono situazioni in cui può risultare completamente inutile, ed altre in cui si rileva efficace.

A chi serve? A coloro che hanno problemi di eccessiva lentezza nel caricamento dei propri apparati mediante alimentatori. A chi sfrutta le porte del PC per la ricarica. A chi collega spesso telefoni o tablet a computer altrui e tiene alla propria privacy.

A chi non è utile. Carico di solito telefono, tablet e powerbank mediante alimentatore standard, in questo frangente il PortaPow non mi porta vantaggi. Li collego esclusivamente al mio PC, pertanto non ho problemi di privacy.

Ad ogni modo si tratta di un oggetto interessante proposto ad un prezzo abbastanza economico. Si può comunque comprare e tenerlo sempre disponibile per ogni evenienza.

Ti piace questo articolo? Consiglialo ad altri utenti:

0 Responses to “PortaPow Fast Charge per velocizzare la ricarica USB – Recensione”


  • No Comments

Leave a Reply