Recensione Acer Aspire One A150

A pochi giorni dall’acquisto del netbook Aspire One A150 eccomi a scrivere una mia personale recensione sul prodotto. Ho avuto modo di utilizzarlo abbastanza intensamente in diverse condizioni. Porrò maggiormente l’attenzione sugli aspetti per me più importanti ma cercherò comunque di fornire un quadro generale più completo possibile su questo apparecchio.

- Dotazione -
Nella scatola dell’Aspire One trovate oltre al netbook un paio di manuali cartacei (piuttosto scarni a dire il vero), il cavo di alimentazione ed un fodero in simil-pelle nera. Inserendo l’Aspire One in questo fodero lo si rende simile per aspetto e dimensioni ad una comune agenda.

- Aspetto -

Semplicemente l’Acer Aspire One è bello. Un piccolo gioiello tecnologico con finiture raffinate ed elementi puramente estetici capaci di renderlo estremamente gradevole. Non credo di esagerare se affermo che attualmente l’Aspire One è il più bel netbook in commercio, qualcuno potrebbe persino definirlo “sexy” :)
Copertura lucida sullo schermo, bloccacerniere arancioni, nessun angolo vivo. I colori dello chassis sono anch’essi tutt’altro che spenti, ho scelto il modello bianco madreperlato (modello A150-BW) ma è disponibile anche in blu metallizzato.
Buona anche l’impressione di estrema solidità che si ha utilizzandolo, nessuna flessione o scricchiolio di sorta. Decisamente ben costruito.

- Primo Avvio -
Un click sul pulsante di accensione ed in pochi secondi parte la procedura di avvio che si occupa di installare fisicamente il sistema operativo prelevandolo dalla partizione nascosta dell’HD.
Alcune domande circa il luogo in cui ci troviamo (per impostare il fuso orario), la lingua da utilizzare, gli utenti iniziali e siamo subito operativi. Attenzione ad impostare correttamente questi primi dati, il rischio è di ritrovarsi definitivamente con un sistema in un’altra lingua.
Come di consueto oltre al semplice sistema operativo (Windows XP Home in questo caso) troviamo preinstallate alcune applicazioni di “corredo”. In questo caso sono rimasto piacevolmente colpito dalla quasi totale assenza di software inutile. Praticamente ho eliminato solo la versione di prova dell’antivirus Mcafee sostituendolo con AVG. Ovviamente non poteva mancare la trial di Microsoft Office che a conti fatti occupa solo spazio inutilmente, meglio sostituire l’intera suite da ufficio con OpenOffice.
Menzione d’onore per WinDVD, cosa diamine ci farò mai con un player DVD in un PC che non dispone di alcun lettore ottico? :) Misteri del mercato! Anche lui va nel cestino.

- Display -
Il display LCD di 8.9 pollici risulta avere colori brillanti ed incisivi. Buono l’angolo di visione orizzontale. Unica pecca il ridotto angolo di visione verticale che può costringerci a continui aggiustamenti dell’inclinazione del pannello del monitor. Ho riscontrato questa caratteristica anche in un altro portatile Acer con rivestimento lucido sullo schermo LCD. Questa copertura lucida è molto attraente ma di fatto risulta fastidiosa in ambienti molto illuminati a causa dei riflessi che genera. Comunque calcolando l’uso che normalmente si fa di questi mini notebook l’angolo di visione limitato non è un grande problema, a patto di non ostinarsi ad usare l’Aspire One per lavori di fotoritocco :)


– Tastiera e Touchpad -
Le  tastiere dei netbooks rappresentano necessariamente un compromesso tra comodità e dimensioni, e quella dell’Acer One non fa eccezioni. Le aziende produttrici devono trovare soluzioni atte a garantire una buona usabilità senza sacrificare eccessivamente le funzionalità. C’è chi diminuisce la dimensione dei singoli tasti, chi ne elimina alcuni e chi (la maggior parte) adotta entrambe le soluzioni. Personalmente trovo la tastiera dell’Aspire One migliore di quella degi eeePC con schermo da 8.9″. In poco tempo ci si abitua e risulta sufficientemente comoda per redigere testi anche medio-lunghi. Ovviamente non si può paragonare ad una tastiera desktop full-size ma comunque è infinitamente più confortevole di qualunque micro tastiera tipica degli smartphone o peggio ancora di quelle touch screen di iphone e ipod touch.
Il touchpad. C’è un touchpad? Ah si quel mini rettangolo appena sotto la tastiera :) Lo ho odiato nei primi minuti di utilizzo dell’Aspire One. Talmente piccolo da risultare frustrante. Poi ho modificato la velocità di scorrimento, mi sono parzialmente abituato anche alla disposizione laterale dei tasti e finalmente sono riuscito ad usarlo in modo quasi accettabile. Consiglio comunque di ripiegare su un mouse esterno ogniqualvolta ve ne sia la possibilità, riservando l’uso del touchpad solo in quei casi in cui non si abbia alcuna alternativa.

- Hard disk -

Il generoso disco da 120 Gb dell’Aspire One A150 risulta adatto per svincolare il netbook dagli usi per cui è stato progettato. C’è spazio sufficiente per inserirci un paio di sistemi operativi, musica, fim, foto e persino giochi. E’ bello poter portare sempre con se gran parte del materiale di cui si ha bisogno.
Volete mettere il piacere di gustarsi un bel film mentre magari si attende l’arrivo di un treno o in qualunque altro momento di pausa? :)
Possiamo portarcelo dietro in vacanza e riversarci le fotografie scattate con la nostra digicam compatta, organizzarle e riguardarle su uno schermo che assomiglia ad una cornice digitale.
Gli usi che possiamo fare di questo piccolino sono virtualmente infiniti.
A titolo informativo: il modello A110, più economico, dispone dispone di un hard disk allo stato solido (SSD) di soli 8 Gb.

- Prestazioni -
Per valutarne le prestazioni ho scelto di provarlo configurato così come sarebbe in un utilizzo normale. Ho quindi installato l’antivirus (AVG), il firewall (ZoneAlarm), Firefox, Gimp ed altri programmi di uso generico.
In questa configurazione si avvia completamente in circa un minuto e mezzo, ben oltre i 20-30 secondi di un eeePC con Linux. Daltronde in questo caso stiamo parlando di Windows XP e questo tempo non si discosta molto da quello del mio PC desktop con CPU e Hard Disk più veloci.
Per quanto riguarda l’uso di programmi come il browser o la suite da ufficio l’Aspire One risulta sufficientemente reattivo, merito anche del Giga di ram installata. Il processore Atom N270 si comporta bene in diversi ambiti, persino la visione di un video in alta definizione 720p risulta fluida, esente da scatti. Con un video Full-HD (1080i) ho invece superato abbondantemente le capacità della macchina, ottenendo una visione particolarmente scattosa, totalmente inguardabile.

- Autonomia -
Pensavo, speravo meglio. La piccola batteria di soli 2200 mAh è sufficiente a garantire un’autonomia di poco superiore alle 2 ore in condizioni di pieno carico (Wi-Fi abilitato, luminosità massima, uso di vari programmi). Disabilitando il wi-fi si superano le 2.5 ore, non un granché soprattutto considerando le 4 ore e più dell’eeePC 901.
Speriamo in futuro Acer decida di proporre una batteria maggiorata, magari a 6 celle.

- Connettività e espandibilità -
Come è logico attendersi da un netbook la connettività dell’Aspire One è di buon livello.
Tre porte USB, lan ethernet 10/100 base T, Wi-Fi 802.11 b/g e… ben 2 lettori di schede di memoria di cui uno multiformato (MMC, SD, XD, MS pro).
A completare il tutto il connettore VGA esterno e l’onnipresente porta kensington per l’ancoraggio di sicurezza.

- Varie -
Il calore generato dall’Aspire One non è mai eccessivo, anche dopo ore di utilizzo continuato.
La rumorosità è praticamente assente se escludiamo il leggero sibilo proveniente dalla ventola interna.
Potremmo essere tentati di portare il netbook con noi, acceso e riposto all’interno del fodero in dotazione, meglio non farlo dal momento che tale fodero chiude completamente le bocche di areazione presenti nella parte inferiore e sul lato sinistro.

- Conclusioni -
L’Aspire One A150 di Acer è una buona macchina ad un prezzo più che ragionevole (399€). I vari modelli di netbook attualmente in vendita sostanzialmente si equivalgono, qualcosa in più e qualcosa in meno ma fondamentalmente sono molto simili. In particolare l’Aspire One si distingue per il suo bellissimo aspetto e nel modello A150 per l’hard disk di ben 120 Gb, una vera manna per chi vuole usarlo oltre la semplice navigazione internet.
Avrei di sicuro preferito una maggiore autonomia ma, così com’è, è quasi perfetto per le mie esigenze.
Probabilmente questi piccoli netbook saranno sfruttati appieno in un futuro in cui risulterà naturale utilizzare connessioni Wi-Fi n e soprattutto WiMax, ci vorrà però ancora del tempo e per il momento l’Aspire One risulta un’ottima scelta.

Al momento della stesura di questo articolo ho già installato Ubuntu sull’Aspire One. Presto scriverò le mie impressioni in proposito e soprattutto le operazioni effettuate per configurare al meglio questo sistema operativo.

Ti piace questo articolo? Consiglialo ad altri utenti:

14 Responses to “Recensione Acer Aspire One A150”


  • Very interesting post, i bookmarked your blog, thanks for share
    i will visit your blog later

  • Ciao Ainu,

    Sempre in gamba !!!

    saluti

  • più o meno vero quello che scrivi MA ATTENZIONE A NON mettere una password sul bios.
    ha un difetto e non la riconosce.
    Risultato che non usi più l’acer.

  • Legal o comentário, esse netbook realmente é lindo e muito rápido, comprei ele na Alemanha e trouxe para o Brasil. So colquei o win pro BR, instalei todos os drivers e ele está exelente. Comprei tambem um dvd usb, só fica devendo o teclado abnt, mas intalei o software shapkeys2 e configurei o que pude.

  • Ciao,
    Sto comprando un netbook Acer Aspire One-A150-BGb-1GB-3G usato, da una persona che lo ha ricevuto in regalo a fine dicembre (con scontrino). Mi dice che è installato windows XP ma non office. Potresti dirmi se sai come installar office visto che non vi è un lettore cd nel netbook? si deve far ricorso ad un lettore esterno? A quel punto, un lettore dvd puo’ andar bene? Ti ringrazio se vorrai rispondermi,
    Ciao, Vito

  • Per installare office devi usare un lettore esterno (CD o Dvd va benissimo) oppure creare una immagine da montare come drive virtuale con utility tipo daemon tools (http://www.daemon-tools.cc/home).

    Comunque ti consiglio di lasciar perdere del tutto Office ed installare lo splendido OpenOffice, completamente gratuito e compatibile con i formati di files di Office.

  • ciao e complimenti per la recenzione,ho appena visto da vicino questo acer ed ho visto in negozio che prima di alloggiare la batteria c’e il posto per una sim card…sai a cosa serve?grazie

  • Che modello era di preciso? Il 150x o il nuovo 150D da 10 pollici?
    Per quanto riguarda il modello che possiedo ci sono due alloggiamenti per memory card, uno sul lato destro ed uno su quello sx.

  • ciao Acer aspire oneAOA 150BW ho visto che se togli la batteria c’è un alloggiamento per una sim card del telefono….sai come possa funzionare?
    grazie mille

  • Metti la sim dati dell’operatore telefonico che ti conviene di più e navighi in 3G e non in wifi. Ho invece un problema con la carica delle batterie (il portatile funziona solo con l’alimentazione di rete)…c’è qualcuno che ha avuto lo stesso problema?

  • Ciao. Ho un amico che ha un acer aspire one A150. Dopo averlo formattato (aveva un xp in inglese; ora windows 7) si ritrova con uno schermo ridotto. Non si ritrova più l’iconcina azzurra con 7 puntini a forma di cerchio nel mezzo della stessa.
    Sapresti dirmi come fare a recuperare questo programmino se di programmino si tratta?

  • Salve,sapresti consigliarmi sul come fare per passare il mio a150-bb a windows 7?
    Grazie in anticipo!

  • Ciao, in un altro articolo di questo blog trovi una spiegazione sul come installare Windows 7 su un netbook anche senza avere un lettore DVD esterno.
    L’unico problema potrebbe essere rappresentato dalla disponibilità di drivers per far funzionare al meglio l’AONE, comunque dal momento che Windows 7 usa gli stessi drivers di Vista, questo punto non dovrebbe destare troppe preoccupazioni.

  • @ Saverio
    Ho avuto lo stesso problema per la batteria [cito Saverio:(...Ho invece un problema con la carica delle batterie (...il portatile funziona solo con l’alimentazione di rete)…)].
    Si deve aggiornare il bios alla versione più recente e, per incanto, la batteria si ricarica e funziona magari meglio di prima.
    Provato in prima persona.

Leave a Reply