Traduttore vocale portatile, opinioni

Piccolo dispositivo capace di tradurre il parlato tra numerose lingue diverse, permette di instaurare conversazioni senza difficoltà con persone di paesi stranieri. Come funziona. Quanto costa. Opinioni sul prodotto. Alternative.

Girovagando sul web mi è capitato di trovare delle pubblicità riguardanti un traduttore personale portatile chiamato Muama Enence.

Prezzo – attualmente viene venduto online con una offerta al 50%, “solo” 89,00€ al pezzo invece di 178,00€. Ma il prezzo cala ulteriormente prendendone più insieme. La promozione più conveniente, almeno secondo loro, è quella prendi tre e ne ricevi altri due in omaggio, praticamente ognuno viene 53 euro.
In ogni caso la spedizione è gratuita.

Il funzionamento è semplice, basta premere un pulsante e parlare nella propria lingua. Quanto detto viene tradotto e l’audio fuoriesce dall’altoparlante integrato affinché il nostro interlocutore possa ascoltarlo e comprenderlo. Dopodiché possiamo premere l’altro pulsante così da poter tradurre nella nostra lingua ciò che dice la persona che abbiamo davanti.

In pratica possiamo instaurare una vera conversazione tra due persone di lingua diversa premendo alternativamente i due pulsanti.

Numerose le lingue supportate, sul sito ne elencano 32 tra cui: Italiano, Inglese, Francese, Spagnolo, Tedesco, portoghese, Giapponese, Cinese, Coreano, Greco, Russo, Arabo, Rumeno, Turco, Polacco, Ebraico ed altre.

Si tratta di un buon prodotto?

Innanzitutto ci tengo a dire che chi lo vende non offre molti dati tecnici su tale traduttore.
Come funziona realmente? Per usarlo devo avere anche un telefono cellulare (smartphone)? Serve una connessione Internet o può funzionare completamente offline?

Prima di scrivere questo articolo ho ovviamente fatto le mie ricerche, scoprendo molti prodotti con una estetica praticamente identica. L’immagine che vedete poco più su si riferisce proprio ad uno di questi articoli.
Potrei sbagliare ma, ho come l’impressione che si tratti dello stesso identico prodotto cinese, venduto però con nomi diversi da vari soggetti.

Gli altri traduttori simili, o uguali, si possono prendere su Ebay o Amazon: Traduttore vocale, spendendo una quarantina di euro compresa spedizione. Sono in realtà dei semplici apparati che offrono un altoparlante, un microfono, qualche pulsante per regolare il volume e, importante, si collegano al telefono via Bluetooth. Non sono insomma dispositivi stand alone, in grado di funzionare da soli.

In pratica dobbiamo avere una applicazione installata sullo smartphone, la quale richiede a sua volta una connessione internet attiva, sia essa via WiFi o su rete mobile, affinché possa effettuare la traduzione online.

Ad onor del vero, leggendo alcune opinioni sul web, sembrerebbe che questi traduttori vocali non siano sempre eccezionali, in effetti tutto dipende dalla qualità del programma che utilizzano come motore di traduzione.

In sostanza sarebbe solo uno strumento che, grazie ai pulsanti esterni, rende un po’ più comode alcune operazioni che possiamo altrimenti fare dal telefono senza spendere nulla.

Qualcuno è però un po’ più evoluto e prevede un display a colori touchscreen con comandi per scegliere le lingue da usare senza dover ogni volta andare a toccare lo schermo del telefonino.
Altri ancora hanno una fotocamera con cui tradurre facilmente anche i testi stampati, scritti su un foglio o cartelli.
Certo, i prezzi di quelli avanzati sono però più alti.

In ogni caso, quasi tutti prevedono la necessità di una connessione internet per svolgere il loro compito. Ciò vale anche per gli apparati top di gamma come i dispositivi Vasco Voice Translator dal costo di diverse centinaia di euro.
Il funzionamento Offline è limitato alla sola traduzione di testo immesso con la tastiera.

Alternative

Se avete un buono smartphone e volete una soluzione a costo zero, il mio consiglio è di installare un’applicazione in grado di gestire le traduzioni. Alcune sono davvero ottime e garantiscono risultati di alto livello.

Molto gettonato dagli utenti Android il Traduttore Google. Supporta ben 106 lingue, di cui 59 anche in modalità offline, senza connessione internet.
Traduce testo, voce e parole scritte inquadrate con la fotocamera, peraltro sovrapponendo il testo tradotto a quello originale, molto utile per tradurre i cartelli informativi, di indicazioni stradali o generici.
Gratuito, in molti telefoni è già preinstallato, ma lo trovate comunque sul Play Store.

Altro programma molto apprezzato è il Traduttore Microsoft. Il mio preferito in quanto a potenza, velocità, funzioni offerte e qualità della traduzione.
Gratuito, supporta oltre 60 lingue, anche offline nel caso di testo immesso con la tastiera. Effettua traduzioni testuali e vocali, trascrizione del parlato in testo scritto, traduce quanto inquadrato con la fotocamera del cellulare (riconoscimento OCR), sovrappone il testo tradotto a quello originale.
Molto interessante la modalità conversazione che permette di effettuare una sorta di conferenza tra più persone di lingue diverse, il parlato di ogni soggetto viene automaticamente tradotto nel linguaggio di chi sta ascoltando.

Nota: queste applicazioni possono risultare valide anche nell’ambito dell’apprendimento delle lingue straniere in quanto permettono di conoscere numerose espressioni, le forme grammaticali e soprattutto abituarsi alla pronuncia.

Ripeto, e qui concludo, tali strumenti possono talvolta funzionare anche offline, ma solo con il testo scritto. Per la traduzione vocale è invece necessaria la connessione internet.
Pertanto, prima di recarvi all’estero, vi consiglio di informarvi sulla possibilità di roaming e la quantità di traffico internet che avete a disposizione.

Lascia un commento